Chinotto di Savona e Olive Taggiasche, un incontro di eccellenze che regala un gusto... da brevetto!

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha conferito al Chin'Oro il "Brevetto per invenzione industriale"!

 

logo Ministero dello Sviluppo Economico

Il Chin’Oro nasce dall’unione di due rinomate eccellenze liguri: Il Chinotto di Savona e l’Oliva Taggiasca!

Milko Druetti dell’Antico Frantoio Tavian e Giacomo Parodi dell’Azienda Agricola Parodi Alessandro, hanno deciso di unire il Chinotto di Savona Slow Food alle Olive Taggiasche, frangendoli simultaneamente sotto l’antica macina in pietra del nostro Frantoio di Vado Ligure.

Nasce un nuovo sapore in cucina

Il CHIN’ORO presenta netti aromi di zagara inseriti in un profilo gustativo equilibrato e delicato con richiami gradevolmente acidi e poco aspri. L’uso in cucina è estremamente versatile: marinature, pesce crudo e non, crostacei, tartare di carne, spiedini di pesce o di carne, bresaola ed insalate varie. Si presta anche per aromatizzare torte dolci o biscotti.

Il Chinotto di Savona e la nascita del Chin’Oro

Il Chinotto di Savona (Citrus Aurantium (L.), varietà amara (L.), sub-varietà sinesis) è un piccolo agrume costituito da una minima parte di polpa, formata da 9 o 10 spicchi aranciati, senza semi e piacevolmente acidi. L’essenza contiene vitamina C, proteine, fibre alimentari e sali minerali (sodio, calcio, potassio e magnesio).

Le Origini del Chinotto

Le origini del Chinotto sono incerte: per alcuni proviene dalla Cina (da dove sarebbe stato importato tra la fine del ‘500 e l’inizio del ‘600 da un livornese o da un savonese), per altri dall’India o da Goa, per altri ancora la pianta sarebbe originaria del Mar Mediterraneo dove si sarebbe sviluppata a seguito di una mutazione gemmaria dell’arancio amaro. Già dal XVI secolo il chinotto veniva usato sulle navi per prevenire lo scorbuto dovuto a mancanza di vitamina C. Il primo a descrivere questo frutto fu Giovan Battista Ferrari in una sua opera del 1646. In seguito se ne occupò il Conte Giorgio Gallesio di Finalborgo che lo descrisse nel suo Traité du Citrus pubblicato a Parigi nel 1811. Ancora Risso e Poiteau descrissero la varietà XXII del Gallesio e tale figura corrisponde all’attuale chinotto coltivato.

Il Chinotto e Savona

Nel 1887 venne costituita a Savona una “Società dei Produttori di Chinotti” con 152 soci dove venivano ben definite le caratteristiche dei chinotti destinati alla vendita per la canditura in base anche al loro diametro. Nel 1921 venne costituita la “Soc. Coop. Agricola Anonima” fra i produttori di Chinotto di Savona. Tra il XIX e il XX veniva consumato previo trattamento in soluzioni zuccherine con bevande alcoliche. In seguito venne inventata la bibita che porta lo stesso nome dell’agrume e venne utilizzato per preparare marmellate, mostarde, canditi, sciroppi, liquori, birre, dolci, sale, profumi e cosmetici.

Il Presidio Slow Food

Solo nel 2004, grazie all’interesse del consumatore verso il “Chinotto di Savona” e ad alcune pasticcerie storiche che hanno mantenuto viva la tradizione della canditura, il chinotto entra a far parte dei Presidi Slow Food con la definizione di un disciplinare di coltivazione e produzione. Visita la pagina di Slow Food dedicato al Chinotto di Savona, clicca QUI!

Il Chin’Oro

Oggi la collaborazione tra Milko Druetti, produttore di Olio Extra Vergine ligure, e Giacomo Parodi, produttore di Finale Ligure del tipico Chinotto di Savona, ha portato all’idea un pò bizzarra di unire questi due frutti dagli aromi apparentemente molto diversi. Ciò che ne è scaturito è un gusto nuovo, molto singolare e dagli infiniti abbinamenti. Hanno deciso di chiamarlo Chin’Oro. Come per la produzione, anche in questo caso c’è stata un unione. La parola Chinotto si fonde con l’Oro, il nostro oro liquido, il nostro Olio Extra Vergine di Oliva Taggiasca.

L’uso in cucina

Il profilo sensoriale del Chin’Oro ricorda netti aromi di zagara inseriti in un profilo gustativo equilibrato e delicato con richiami gradevolmente acidi e poco aspri. L’uso del Chin’Oro (che non possiamo definire “olio” in quanto non è composto da sole olive) in cucina è estremamente versatile e risulta essere ottimo per: marinature, ceviche, pesce in generale ed in particolare pesce crudo, crostacei, tartare di carne, spiedini di pesce o di carne, bresaola ed insalate varie. Inoltre si presta per aromatizzare torte dolci o biscotti.